ENGO 2 FINALMENTE DISPONIBILE

Come ho corso sotto i 3 anni a Boston

A cura di: Rob Klingersmith

Correre

 

Come ho corso sotto le 3:00 a Boston con ENGO



Come la maggior parte dei corridori competitivi, la maratona di Boston è stata la mia stella polare. All'inizio ho costruito la mia carriera podistica intorno alla qualificazione per quella gara. Dopo aver acquisito la competenza e l'esperienza che mi hanno permesso di guadagnare più pettorali, la mia attenzione si è spostata non solo sull'ottenimento della BQ, ma anche sul raggiungimento di obiettivi di prestazione specifici.  

 

Per me, il mio Santo Graal è diventato l'inafferrabile barriera delle 3 ore. Storicamente questo è il tempo che indica che sei un "vero" corridore su strada, raggiunto solo dal 4% di coloro che si presentano alla partenza di una maratona.  

 

 

La tecnologia può aiutare?

Preparazione per il mio 7maratona di Boston Maratona di Boston ho deciso di correre con i nuovi occhiali ENGO. Dall'esterno, sembrano i tipici occhiali sportivi. Tuttavia, dal punto di vista dell'atleta, gli ENGO rappresentano un vero e proprio cambiamento, in quanto visualizzano informazioni in tempo reale sulle prestazioni direttamente nel campo visivo.

 

Dopo aver collegato gli occhiali ENGO al mio orologio da corsa Garmin, ho personalizzato i flussi di dati che volevo visualizzare. Per me erano i 3 fondamentali: passo, frequenza cardiaca e tempo trascorso. 

 

Sperimentando gli occhiali ENGO durante l'allenamento, l'esperienza si è trasformata. Per la prima volta, sono stato in grado di monitorare i miei parametri chiave durante l'esecuzione di allenamenti a ritmo variabile, come la corsa lunga con arrivo veloce. Mai prima d'ora la mia gestione della velocità era stata così precisa.

 

Ma gli occhiali ENGO sarebbero altrettanto utili ed efficaci durante l'evento?

 

 

Il mio programma di gara

La maratona di Boston presenta una serie di sfide, tra cui il fatto di svolgersi all'inizio della stagione, un vento contrario incessante e una serie di colline uniche che possono interrompere il ritmo di un corridore.

 

Ero particolarmente interessato a capire come ENGO Eyewear potesse aiutarmi a guidare la mia strategia di ritmo nell'affrontare il terreno ondulato.  

 

Come detto, il mio obiettivo era di 3 ore, il che equivale a una velocità media di circa 6:50 al chilometro. Tuttavia, a causa della posizione delle varie salite e discese lungo il percorso, cercare di mantenere questo ritmo al chilometro per tutta la gara è un'impresa ardua. 

 

Invece, ho suddiviso il percorso in 4 segmenti e ho elaborato un piano di allenamento personalizzato per ciascuno di essi. Il risultato è stato questo:

 

0 - 10 km: Obiettivo: 6:35/mi
La gara inizia subito con una discesa di 300' nei primi 10 km. Questa è un'opportunità per anticipare i tempi e mettere "tempo in banca", a patto di tenere sotto controllo l'intensità. Vedere la mia velocità e la mia frequenza cardiaca presentate in tempo reale mi ha permesso di ridurre il mio sforzo e di correre in anticipo rispetto all'obiettivo senza troppi costi. Fin qui, tutto bene!

 

10 km - 25 km: Obiettivo: 6:40/mi
Con la discesa iniziale alle spalle, mi sono stabilizzato sulla "velocità di crociera". La densità di corridori inizia a diminuire, lasciando spazio per concentrarsi su forma e alimentazione. Il flusso di dati di ENGO mi ha permesso di rilassarmi e di fluire, senza preoccuparmi di rispettare il ritmo. Ho centrato l'obiettivo di superare il traguardo di metà percorso in 1:27:30.

 

25 km - 35 km: Obiettivo: 6:55/mi
Ora si entra nel vivo della gara! Questo tratto critico, dal chilometro 16 al 20, comprende la famigerata Heartbreak Hill, che è in realtà una serie di 4 gradini su cui si guadagnano 190' di dislivello. Di solito c'è anche il vento contrario. Il mio programma di gara prevedeva che avrei rallentato in questo segmento, quindi, mentre monitoravo il mio battito cardiaco con ENGO, non mi sono allarmato per il primo calo significativo della velocità. Concentrandomi sulla mia meccanica di corsa, ho preso un gel in cima e mi sono preparato per la corsa finale verso il traguardo.

 

35 Km - Arrivo: Obiettivo: 7:00/mi
A questo punto la fatica accumulata rende spesso questi ultimi 6 km i più lenti e difficili della gara. Potrebbe sembrare strano, visto che la discesa netta è di 125' fino al traguardo. Tuttavia, per molti questi ultimi chilometri di discesa sono strazianti. Vedere il mio ritmo proprio lì, nel mio campo visivo, senza dover interrompere il passo per guardare l'orologio, è stato incredibile! Sono stato piacevolmente sorpreso di aver tenuto un ritmo leggermente superiore al mio obiettivo durante quest'ultimo tratto impegnativo.



Missione compiuta

Sono riuscito a battere il mio obiettivo delle 3 ore, ottenendo un tempo finale di 2:58:32. Woo hoo!

 

Ripensando a come ho ottenuto questo risultato, il mio allenamento è stato costante e privo di infortuni. La mia alimentazione il giorno della gara è stata perfetta. Ma devo anche ringraziare ENGO Eyewear, che mi ha permesso di mettere in atto un piano di pacing piuttosto complesso.

 

La visualizzazione dei dati di ENGO mi ha aiutato a governare in modo sottile i miei sforzi e a evitare sprechi di energia, mantenendo i miei cambi di ritmo sul percorso. ENGO ha anche rafforzato la mia fiducia e ha reso più facile mantenere il piano, anche quando altri corridori mi hanno superato o quando ho incontrato le inevitabili difficoltà della gara.   

 

Sperimentare la potenza di avere i dati più importanti sulle prestazioni presentati in tempo reale direttamente nel mio campo visivo ha cambiato per sempre il mio approccio all'allenamento e alla corsa. È sempre più divertente quando si superano i propri obiettivi... ed ENGO Eyewear ha contribuito a renderlo possibile per me nella Maratona di Boston.

 


Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per personalizzare i contenuti e analizzare il traffico web. Per saperne di più sulla nostra politica dei cookie

Impostazioni dei cookie

Google Analytics

Esperienza utente (strettamente necessario)

Il sito web è costruito utilizzando Shopify. I cookie predefiniti di Shopify non raccolgono informazioni personali o sensibili o indirizzi IP. Le informazioni che memorizzano non vengono inviate a terzi e sono utilizzate solo per comunicare con Shopify ai fini dell'autenticazione dell'utente, della convalida/sicurezza dei moduli e delle operazioni di base dell'applicazione web. Per saperne di più, consulta la nostra Politica sulla privacy e sui cookie.

Ti avviseremo quando ENGO 2 sarà di nuovo disponibile.